Forlì e la Romagna perdono il grande pittore Angelo Ranzi, artista e uomo modesto e sensibile

E' scomparso improvvisamente all'età di 89 anni. Lascia un patrimonio di opere sconfinato e un ricordo indelebile nel cuore di chi l'ha conosciuto.

La scomparsa di Angelo Ranzi priva la città di uno dei suoi artisti migliori, nonché di un cittadino esemplare.
In occasione di una delle sue ultime mostre, risalente al 2011, dal titolo “San Francesco secondo Ranzi”, che fu allestita nei locali di quello che era il Centro Culturale San Francesco di via Marcolini a Forlì, troppo frettolosamente smantellato qualche anno fa, chiese a Marco Viroli e a Gabriele Zelli un contributo scritto per il catalogo.
In quella occasione Zelli scrisse: «Conosco Angelo Ranzi da oltre trent’anni. Mi colpirono fin dall’inizio la sua signorilità e, nel contempo, la sua modestia, sia come uomo sia come artista. Da allora ho iniziato a frequentare le mostre che allestiva in città, apprezzandone le opere esposte perché capaci di rappresentare, in modo magistrale, i tanti momenti delle nostre collettività. Angelo Ranzi ha dato vita a diverse mostre che hanno segnato la vita artistica e culturale di Forlì, come ad esempio quella dedicata alla Romagna di Aldo Spallicci e quella che aveva come tema il Vangelo secondo Matteo».
Anche l’esposizione che fu ospitata nei locali del Centro Culturale San Francesco non fu da meno. Raccontare attraverso la pittura la vita del patrono d’Italia nell’anno del centocinquantesimo fu una sfida che Ranzi raccolse e affrontò con la sensibilità che gli era propria, con un misto di spiritualità e di attenzione alle cose materiali della vita, realizzando un corpus di opere capace di emozionare e di stupire.
Marco Viroli nel suo scritto ricordava che «dopo l’imponente mostra “L’Apocalisse e la guerra” in cui spesso Angelo Ranzi lasciava illuminare la scena dalla luce del divino, unica speranza per un mondo alla fine di un ciclo, si cimenta con una nuova serie di opere inedite sulla vita del santo più amato e contestato della storia della Chiesa».
«Ranzi descrive le scene della vita del “poverello d’Assisi” come se ne avesse preso parte lui stesso – scrisse allora Viroli – tanto da essere capace di coinvolgere a tal punto chi si pone di fronte all’immagine da trasmettergli emozioni talmente vivide da suscitare immedesimazione ed empatia».

Commenta con Facebook
Marco Viroli

Marco Viroli

Scrittore, giornalista pubblicista e copywriter, è nato a Forlì nel 1961. Laureato in Economia e Commercio, nel suo curriculum vanta una pluriennale esperienza di direzione artistica e organizzazione eventi (mostre d’arte, reading, concerti, spettacoli, incontri con l’autore, ecc.) per conto di imprese ed enti pubblici. Dal 2006 al 2008 ha curato le rassegne “Autori sotto la torre” e “Autori sotto le stelle” e, a cavallo tra il 2009 e il 2010, si è occupato di relazioni esterne per una fondazione di arte contemporanea. Tra il 2010 e il 2014 ha collaborato con “Cervia la spiaggia ama il libro” (la più antica manifestazione di presentazioni d’autori in Italia) e con “Forlì nel Cuore”, promotrice degli eventi che si svolgono nel centro della città romagnola. Dal 2004 è scrittore e editor per la casa editrice «Il Ponte Vecchio» di Cesena. Autore di numerose prefazioni, dal 2010 cura la rubrica settimanale “mentelocale” sul free press settimanale «Diogene», di cui, dal 2013, è diventato direttore responsabile. Nel 2013 e nel 2014, ha seguito come ufficio stampa le campagne elettorali dei candidati del Partito Democratico Gabriele Zelli e Davide Drei, divenuti poi rispettivamente sindaci di Dovadola (FC) e Forlì. Nel 2019 ha supportato come ufficio stampa la campagna elettorale di Paola Casara, candidata della lista civica “Forlì cambia” al consiglio comunale di Forlì, centrando anche in questo caso l’obiettivo. Dal 2014 è addetto stampa di alcune squadre di volley femminile romagnole (Forlì e Ravenna) che hanno militato nei campionati di A1, A2 e B. Come copywriter freelance ha collaborato con alcune importanti aziende locali e nazionali. Dal 2013 al 2016 è stato consulente di PubliOne, agenzia di comunicazione integrata, e ha collaborato con altre agenzie di comunicazione del territorio. Dal 2016 al 2017 è stato consulente di MCA Events di Milano e dal 2017 collabora con Librerie.Coop. Dal 2017 è consulente Ufficio Stampa ed Eventi della catena Librerie.Coop, con sede a Bologna. È vicepresidente dell’associazione culturale Direzione 21 che da cinque anni organizza la manifestazione “Dante. Tòta la Cumégia”, volta a valorizzare il ruolo di Forlì come città dantesca e che culmina ogni anno con la lettura integrale della Divina Commedia. Nel 2003 ha pubblicato la prima raccolta di versi, Se incontrassi oggi l’amore. Per «Il Ponte Vecchio» ha dato alle stampe Il mio amore è un’isola (2004) e Nessun motivo per essere felice (foto di N. Conti, 2007). Suoi versi sono apparsi su numerose antologie, tra cui quelle dedicate ai Poeti romagnoli di oggi e… («Il Ponte Vecchio», 2005, 2007, 2009, 2011, 2013), Sguardi dall’India (Almanacco, 2005) e Senza Fiato e Senza Fiato 2 (Fara, 2008 e 2010). I suoi libri di maggior successo sono i saggi storici pubblicati con «Il Ponte Vecchio»: Caterina Sforza. Leonessa di Romagna (2008), Signore di Romagna. Le altre leonesse (2010), I Bentivoglio. Signori di Bologna (2011), La Rocca di Ravaldino in Forlì (2012). Nel 2012 è iniziato il sodalizio con Gabriele Zelli con il quale ha pubblicato: Forlì. Guida alla città (foto di F. Casadei, Diogene Books, 2012), Personaggi di Forlì. Uomini e donne tra Otto e Novecento («Il Ponte Vecchio», 2013), Terra del Sole. Guida alla città fortezza medicea (foto di F. Casadei, Diogene Books, 2014), I giorni che sconvolsero Forlì («Il Ponte Vecchio», 2014), Personaggi di Forlì II. Uomini e donne tra Otto e Novecento («Il Ponte Vecchio», 2015), Fatti e Misfatti a Forlì e in Romagna («Il Ponte Vecchio», 2016), Fatti e misfatti a Forlì e in Romagna volume 2 («Il Ponte Vecchio», 2017); L’Oratorio di San Sebastiano. Gioiello del Rinascimento forlivese (Tip. Valbonesi, 2017), Fatti e misfatti a Forlì e in Romagna, vol. 3 («Il Ponte Vecchio», 2018). Nel 2014, insieme agli storici Sergio Spada e Mario Proli, ha pubblicato per «Il Ponte Vecchio» il volume Storia di Forlì. Dalla Preistoria all’anno Duemila. Nel 2017, con Castellari C., Novara P., Orioli M., Turchini A., ha dato alle stampe La Romagna dei castelli e delle rocche («Il Ponte Vecchio»). Nel 2018 ha pubblicato, con Marco Vallicelli e Gabriele Zelli., Antiche pievi. A spasso per la Romagna, vol.1 (Ass. Cult. Antica Pieve, 2018), cui ha fatto seguito nel 2019, con gli stessi coautori, Antiche pievi. A spasso per la Romagna, vol.2 (Ass. Cult. Antica Pieve, 2018). Nel 2019, ha pubblicato con Flavia Bugani e Gabriele Zelli Forlì e il Risorgimento. Itinerari attraverso la città, foto di Giorgio Liverani, (Edit Sapim, 2019). È inoltre autore delle monografie industriali: Caffo. 1915-2015. Un secolo di passione (Mondadori Electa, 2016) e Bronchi. La famiglia e un secolo di passione imprenditoriale (Ponte Vecchio, 2016). 

Lascia un Commento...