Rifondazione non smobilita

Intervento di Jacopo Rinaldini : "Cesena ha bisogno di una rappresentanza comunista"

Rifondazione comunista non smobilita. Anzi, prosegue il suo impegno sul territorio. È questa l’estrema sintesi di una nota di Jacopo Rinaldini.

Jacopo Rinaldini

Non è affatto nostra intenzione arrenderci

E’ vero, alle amministrative non siamo riusciti a costruire una lista di sinistra unitaria, ma è un passaggio, questo, che ci ha permesso di fermarci e riflettere su ciò che abbiamo intenzione di fare.

“Che fare?”, si domanderebbe Lenin?

Ebbene, nostro proposito è quello di implementare la lotta sul territorio, facendo sentire la presenza dei comunisti, i quali sono numerosi, però faticano a trovare una adeguata rappresentanza. Dobbiamo ripartire dalle vertenze sindacali e stringerci attorno a tutti quei lavoratori che vengono quotidianamente vessati, e trattati a guisa di merci, da padroni che ambiscono unicamente ad aumentare fatturati, sfruttando la loro forza lavoro tramite contratti ben al di là del limite della decenza; non è più una condizione dei salariati, degli operai, ma “tale modus operandi” è diventato trasversale, poiché tocca gran parte dei lavoratori del settore terziario.

Siamo tutti proletarizzati, uniamoci, riprendiamoci integralmente quelle tutele e quelle garanzie che ci sono state tolte da chi ha fatto gli interessi del grande capitale sulla pelle delle masse lavoratrici: possiamo farlo anche a Cesena.

I frazionisti sono nemici dei comunisti: si lotta e si vince solo se si va avanti tutti insieme, ricreando, tassello dopo tassello, le premesse per una nuova lotta di classe.

Non accettiamo questo stato di cose e Cesena ha fortemente bisogno di una rappresentanza comunista, la quale a gran voce difenda i diritti civili e sociali dei cesenati, si batta contro la continua e sistematica distruzione del patrimonio naturale che ci è rimasto e si impegni con tutta se stessa in un’operazione di ridistribuzione della ricchezza, perché, sì, i comunisti ambiscono a togliere a chi ha in eccesso e ridistribuire a chi non ha: noi la chiamiamo giustizia sociale.

Siamo incrollabili internazionalisti: pertanto, con buona pace del Ministro degli Interni, saremo sempre in prima fila a fare scudo con i nostri corpi a tutti i gli esseri umani trattati ingiustamente da uomini ingiusti al servizio dei potenti, che traggono vantaggio dalle divisioni degli sfruttati, dei salariati, degli ultimi.

Nostro compito è quello di sanare le fratture provocate da costoro e costruire una città che sia davvero multietnica, multiculturale, inclusiva, nella quale l’unica bandiera che sventoli sia quella dell’eguaglianza.

Commenta con Facebook
Davide Buratti

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Lascia un Commento...