Infrastrutture, le priorità romagnole

Il direttore di Legacoop ha chiesto al governo un impegno per sbloccare i cantieri

Le opere infrastrutturali vanno sbloccate. Non è un invito. È un appello lanciato questa mattina da Mario Mazzotti, direttore di Legacoop, nel corso dell’assemblea annuale. Secondo Mazzotti “il balletto sulla Tav è indecoroso per un paese civile. Non solo non si realizzano le opere già programmate e finanziate, e strategiche per il paese, come il passante di Bologna, ma si bloccano anche quelle già contrattualizzate ed approvate da leggi e accordi internazionali. Questo stato di cose deve cessare”.


L’assemblea di Legacoop questa mattina in fiera (foto Blaco)

Salvini ha parlato di decretazione d’urgenza e Mazzotti approva: “Se serve un decreto lo si faccia in fretta”. Il direttore di Legacoop ha fatto bene a porre con forza il tema al centro dell’attenzione perché, sia chiaro, se non si passerà attraverso un provvedimento di dichiarazione di stato di crisi del settore delle infrastrutture, e ci si limiterà alla semplice nomina di commissari ad acta per i cantieri bloccati, difficilmente si raggiungerà lo scopo di sbloccare le infrastrutture.

Secondo Mazzotti “bisogna uscire dal format della propaganda. Prendere atto che in questo settore le principali imprese italiane o hanno cessato l’attività o sono interessate a procedure concordatarie e che, il combinato disposto, creato dai mancati pagamenti delle opere e degli stati di avanzamento e le difficoltà delle imprese nel poter contare su risorse fresche per far fronte ai lavori acquisiti, ha provocato la crisi finanziaria delle imprese”.


Da sinistra Russo e Mazzetti, presidente e direttore di Legacoop

Del resto c’è un dato che è significativo: nel corso degli ultimi 10 anni, solo in Romagna, il settore edile ha perso oltre il 50 per cento delle imprese e degli addetti. A cui vanno aggiunte le molte imprese e i lavoratori dell’indotto. Inoltre c’è il rischio di vedere completamente disperso quel patrimonio di capacità professionale e di ingegneristica di know how industriale, di presenza sul mercato globale e di occupazione che ha rappresentato, per anni, un punto di eccellenza del fare impresa in Italia.


I lavori sono stati aperti dal sindaco di Cesena

Mazzotti poi indica le infrastrutture strategiche per la Romagna: E55 e corridoio Adriatico, porto di Ravenna, collegamenti veloci tra le città romagnole, manutenzione del territorio e dissesto idrogeologico, bonifica idraulica, riqualificazione e rigenerazione urbana delle città e dei centri storici, logistica e rete ferroviaria e dei trasporti. Devono essere “investimenti pubblici da realizzare con rapidità e in tempi certi. Oggi, per realizzare un’opera da 100 mila euro si impiega, di media, oltre tre anni, mentre per quelle più complesse, tra l’approvazione del progetto e il collaudo del lavoro passano anche quindici anni. Tempi intollerabili e incivili. Occorre intervenire nella filiera burocratica autorizzativa che regola il sistema delle opere pubbliche. Va cambiato e allegato il codice degli appalti, che si è dimostrato uno degli elementi di vischiosità maggiore nelle procedure di gara, ma vanno anche riformati alcuni reati, relativi al danno erariale e alle responsabilità personale dei funzionari pubblici responsabili dei procedimenti di gare, all’abuso d’ufficio, per rendere maggiormente efficiente la pubblica amministrazione”.

Commenta con Facebook
Davide Buratti

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Lascia un Commento...