La Lega nel mirino

Paolo Lucchi continua a usare toni duri con i principali esponenti leghisti. Su Emodinamica attacca Morrone e Pompignoli

Non è la prima volta e, credo, non sarà nemmeno l’ultima. Paolo Lucchi, sindaco di Cesena, non le manda a dire a due esponenti leghisti: Jacopo Morrone e Massimiliano Pompignoli. Questa volta motivo del contendere è l’Emodinamica.

Paolo Lucchi

Il Sottosegretario alla Giustizia, Onorevole Jacopo Morrone ed il Consigliere regionale Massimiliano Pompignoli, sono scesi dai loro scranni nazionale e regionale per occuparsi dell’ospedale Bufalini.


Ne solo lieto anche se lo hanno fatto, come sempre, non per contribuire al miglioramento della nostra sanità – tutti, per esempio, ricordiamo come entrambi abbiano cercato inutilmente di bloccare il percorso che ha portato il Ministero della sanità a finanziare completamente, con 156 milioni di euro, il nostro nuovo ospedale – ma per mettere in dubbio quanto annunciato dall’Ausl Romagna sull’organizzazione dell’emodinamica a Cesena.

Paolo Lucchi


Consiglierei loro di stare sereni e di occuparsi con maggior attenzione delle questioni per le quali – da esponente del Governo e da Consigliere regionale – sono ampiamente retribuiti dagli italiani e dai cesenati.
Quanto alle questioni sanitarie, vorrei ricordare loro come i medici, il personale infermieristico e tecnico della nostra Ausl, ogni giorno siano i protagonisti di una sanità come la nostra, tra le prime in Europa per qualità e sicurezze garantite a tutti.


Lo stesso verrà confermato anche sull’emodinamica a Cesena, che dai primi di marzo sarà operativa per tre patologie nell’ambito del Trauma Center (politraumatizzati, degenti che subiscono un infarto durante il ricovero e pazienti in rianimazione che sono sul percorso di espianto di organi) e, dopo l’esame della Commissione cardiologica regionale, per tutti, h24, nell’ambito di un’unica equipe che opererà tra Forlì e Cesena. Esattamente come richiesto dal Consiglio comunale di Cesena.
Ci siamo arrivati solo oggi, dopo mesi di lavoro? È vero e me ne scuso a nome degli operatori della nostra Ausl, che però hanno il dovere di non improvvisare e di organizzare tutto al meglio, perché hanno a che fare con la vita dei cesenati.

L’ingresso del Bufalini


Certo, oggi è fin troppo facile essere protagonisti in una politica che si esprime con aggressività, attraverso post, tweet, comunicati stampa che criticano a prescindere l’operato degli altri.
Io, personalmente, preferisco la politica che risolve i problemi e migliora la qualità della vita dei cittadini e che ogni tanto riconosce in positivo anche i risultati raggiunti. Perché la sanità non è di destra o di sinistra: la sanità è di tutti.

Morrone e Pompignoli, prima o poi lo capiranno, ne sono certo.

Commenta con Facebook
Davide Buratti

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Lascia un Commento...