Decretone: chi vince e chi perde

L'opposizione ora deve evitare l'errore di rifugiarsi nell'aventino, ma è il momento di fare politica

È il giorno del decretone. Quello con reddito di cittadinanza e quota cento. Il primo non mi convince per niente. Anche se è stato migliorato ha troppe stigmate assistenzialiste e difficilmente un keynesiano può essere d’accordo. Quota cento mi piace di più. Del resto è simile a qualcosa che c’era già: andare in pensione con un taglio dell’assegno. Prima o poi lo riconoscerà anche Salvini che dovrebbe capire che la vera rivoluzione sarebbe stata un’alta: non togliere gli effetti dei contributi che non saranno versati.


Va però riconosciuto che ieri il governo ha segnato un punto a proprio favore. Ed ha ragione Marcello Sorgi in un’analisi su La Stampa dal titolo: il decretone spinge il bilancio in positivo. Pur riconoscendo che le operazioni non hanno abolito la povertà o cancellato la Fornero, riconosce che “dopo le tante incertezze della vigilia, alla fine è positivo il bilancio del governo nel giovedì del decretone”. Ed è da qui che devono partire le opposizioni: evidenziare le criticità e fare politica per migliorare il provvedimento. Se poi, percorrendo quella strada, si trovano elementi che possono dividere Lega e 5Stelle è ancora meglio. In un momento come questo l’aventino non servirebbe.

Quello di Sorgi è il commento che oggi ho apprezzato di più. Mi è però piaciuto anche il pezzo di Padellaro sul Fatto quotidiano che invita i 5Stelle a rivedere la propria comunicazione. Il riferimento è al ministro Bonafede per quello che ha postato dopo l’arresto di Battisti. Ma non solo. Anche a Di Maio. All’esaltazione sul balcone oppure alle improvvide dichiarazioni di qualche giorno fa quando, con la recessione alle porte, ha parlato di nuovo boom economico.


Secondo Padellaro è una comunicazione finalizzata a compattare la propria base che però è già fidelizzata. Nel contempo, però, secondo Padellaro, questi atteggiamenti allontanano quegli elettori, in particolare quelli provenienti dal Pd, che alle politiche avevano dato fiducia ai pentastellati.

E l’opposizione? Mi è piaciuto Zingaretti. Il governatore del Lazio è stato sintetico e concreto. Non ha demonizzato i decreti. Ha detto che li studierà, ma ha ricordato che la vera emergenza nazionale è il lavoro. E che questa manovra economica non la affronta. Soprattutto, aggiungo io, in un momento in cui c’è un forte rischio di stagnazione e che, per continuare a galleggiare, servirebbe un intervento straordinario da parte dello Stato negli investimenti.

Infine c’è un titolo interessante. È del Foglio, ma è di ieri, quindi antecedente al decretone. Il giornale di Cerasa si chiede dove è  finito il ministro Savona. In effetti, dopo la manovra economica, del potente ministro si sono perse le tracce. Perché?

Commenta con Facebook
Davide Buratti

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Lascia un Commento...