Ricostruire una casa comune

Nel centenario dell’appello ai “Liberi e forti” di don Sturzo, i Popolari per Cesena prendono spunti per rilanciare questi valori. La nota.

Cento anni fa,  il 18 gennaio 1919, con la pubblicazione dell’appello ai “Liberi e forti” di don Luigi Sturzo, nasceva il Partito Popolare Italiano, laico perché cristiano, con l’attenzione a coniugare l’integralità del cristianesimo con il rispetto della laicità della politica.

Da questo appello occorre ripartire per ricostruire le basi di quella che Giorgio La Pira chiamava «politica con la P maiuscola».

Rispetto al tempo passato, oggi c’è bisogno della società civile organizzata, dei corpi intermedi, di quella sussidiarietà che risponde alle povertà e ai bisogni delle persone con la forza dell’esperienza e della creatività, delle buone relazioni e della professionalità.



I valori dei cattolici come il popolarismo, la sussidiarietà, la solidarietà, il rispetto, l’inclusione sono indispensabili e rappresentano le fondamenta per la costruzione di un’Europa più forte, di un’Europa dove nessuno si senta ospite e nessuno si senta zavorrato. Occorre liberarsi da quelle paure alimentate quotidianamente e ad arte, spesso con dati falsi, per scatenare ‘guerre tra poveri’; non servono i populismi che provocano tensioni invece che fornire soluzioni.

Alla vigilia di questo centenario, come Popolari per Cesena, desideriamo lanciare un nuovo appello  agli uomini “liberi e forti” di oggi che sentono alto il dovere di cooperare a lavorare insieme per l’unità, a fare rete, a condividere esperienza e innovazione. Solo così riusciremo a raggiungere la mèta, ovvero una democrazia europea fondata su scelte politiche prima che finanziarie, che tuteli i cittadini, che promuova la crescita sostenibile, che combatta la disoccupazione e la discriminazione, che ci renda più forti sulla scena mondiale.

Non si tratta di un’operazione nostalgica, ma – appunto – di un’operazione politica ‘con la P maiuscola’, che infonda il coraggio di affrontare le situazioni attuali nel rispetto, nel dibattito costruttivo, nella condivisione.  Gli uomini “liberi e forti” dotati di sensibilità alla politica possono e devono contribuire alla ricostruzione di una ‘casa comune’. In essa si potrà essere presenti senza paura di rincorse sterili a ruoli di primo o secondo ordine, sotto una denominazione in cui tutti possano sentirsi rappresentati, partecipanti e non solo cooptati.

Su queste basi, ragionevoli e di unità, desideriamo costruire progetti più ambiziosi e duraturi. Quelli che possono restituire alla nostra città, al nostro Paese una speranza per il domani superando la politica del risentimento e della paura. Noi ci mettiamo la faccia, gambe ed idee con le mani tese, fino in fondo!

Commenta con Facebook
Davide Buratti

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Lascia un Commento...