Il politico ideale

Concreto, determinato, competente, onesto (anche intelettualmente), rassicurante e inclusivo

Concreto, determinato, competente, onesto (anche intelettualmente), rassicurante e inclusivo. Queste, secondo me, le caratteristiche principali di un politico. Deve essere anche simpatico? Non è fondamentale. Certo, la simpatia è importante soprattutto per conquistare voti. Il problema è che rischia di essere uno specchietto per le allodole e mimetizzare le deficienze. Idem per l’empatia.

Tanto per essere chiaro: preferisco un antipatico competente ad un simpatico che non capisce una mazza. Essere competenti però non basta. Deve anche saper giocare di squadra. È qui che entra in campo l’inclusività. L’uomo solo al comando non serve a niente. Poi, sia chiara una cosa: competenza non significa sapere tutto, ma ascoltare e imparare per aumentare la propria conoscenza. Dei tuttologi ho sempre diffidato. Non si può pensare che un politico sia, allo stesso tempo: fiscalista, economista, urbanista, agronomo e, chi più ne ha più ne metta. Nello stesso tempo non può accettare  a scatola chiusa un prodotto preconfezionato. O, per lo meno, può validarlo solo dopo averlo studiato grazie all’aiuto di una persona competente.

Poi si entra nella fase dell’applicazione. È qui che un politico deve essere concreto e determinato. In poche parole deve ascoltare tutti e poi fare una sintesi. Un politico/amministratore che galleggia non fa bene il suo lavoro.


Nello stesso tempo smettiamo di pensare che chi governa accetti di stravolgere i propri progetti. Di retromarce simili ne ho viste pochissime. Si contano sulle dita della mano. Del resto io diffido di un amministratore che è costretto a stravolgere tutti i suoi progetti. Significa che ha una scarsa capacità di elaborazione. Invece, apprezzo chi accoglie i suggerimenti per fare degli aggiustamenti. La scelta però deve essere sempre fatta per implementare, non soddisfare qualcuno. Perché c’è sempre l’effetto uguale e contrario: nel momento in cui accontenti qualcuno ne scontenti altri. E allora, per non correre rischi l’alternativa è l’immobilismo. Così sei tranquillo, però l’immobilismo è la prima cosa che chi amministra deve abiurare.

C’è poi la capacità comunicativa. È un aspetto che personalmente non mi interessa, Ma della quale un politico non può fare a meno. Però a un buon amministratore non si chiede di saper vendere ghiaccio agli eschimesi.

Commenta con Facebook
Davide Buratti

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Lascia un Commento...