Lavori allo stadio, tutti i numeri

Davide Fabbri mette nel mirino i lavori allo stadio. Immediata la risposta dell’assessore Castorri. Questo il documento.

Non è una novità che Davide Fabbri punti il dito su qualcuno o qualcosa: in questi anni ci ha abituato. Non mi sorprende quindi che non perda occasione, adesso che è sceso in campagna elettorale, per inscenare speculazioni politiche di basso profilo che nella sostanza servono solamente a produrre qualche titolo ad effetto sui mezzi di comunicazione. E, anche relativamente ai costi per i lavori di manutenzione straordinaria dello stadio, la modalità di racconto e il fine perseguito sono gli stessi. Ecco, allora, che mi preme condividere due considerazioni, non con Davide Fabbri, ma con i cittadini che hanno letto il suo racconto.

La prima: relativa ai costi degli interventi effettuati sullo stadio. L’Amministrazione comunale aveva approvato un progetto di 1,3 mln per i lavori strutturali. Successivamente, con le economie che si sono generate al termine dei lavori, il Comune di Cesena è riuscito ad intervenire per il rifacimento del campo di gioco (attività inizialmente in carico all’A.C. Cesena – così come fu a carico della società anche la trasformazione in sintetico), garantendo non solo gli impegni nei confronti dell’Uefa, relativi al Campionato Europeo Under 21 del 2019, ma consentendo anche la possibilità alla nuova compagine calcistica cittadina di disputare regolarmente le gare casalinghe all’Orogel Stadium Dino Manuzzi. Tutto questo, con la consapevolezza di ricevere dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio un contributo di € 700 mila (parte dei 3,5 mln stanziati dal Governo per la ristrutturazione dei 5 impianti che ospitano l’Europeo), che andrà a coprire gli ulteriori lavori da realizzare (definiti con l’approvazione del progetto, avvenuta martedì 4 dicembre scorso) e ad abbattere parte dei costi dei lavori già realizzati. Ecco quindi che appare evidente come i costi a carico della collettività siano ben diversi da quelli che vuole far credere Davide Fabbri. Inoltre è davvero superficiale raccontare che vengano spese risorse per fare solamente 3 partite. Le risorse vengono spese per riqualificare lo stadio e per ospitare la manifestazione sportiva più importante degli ultimi anni del Paese Italia.

Orogel stadium

La seconda: per realizzare i lavori – dice – vengono sottratte risorse alla Cultura. Vorrei tranquillizzare i cittadini (non Fabbri): non è così! In questo mandato abbiamo riqualificato Casa Bufalini con 3 mln di euro (era dal 68 che veniva chiesto un intervento), stiamo ultimando i lavori di recupero del museo archeologico (80 mila euro), fra una settimana inizieremo i lavori di recupero del Ridotto del teatro (occupato da più di 20 anni dall’urbanistica) investendo 50 mila euro, nel mese di febbraio inizieremo i lavori di recupero del terzo lotto della Malatestiana investendo oltre 2 milioni di euro. Stiamo inoltre avviando il percorso per la progettazione della Pinacoteca che comporterà un intervento di 6 mln, 3 dei quali già coperti da contributo ministeriale. Anche in questo caso è evidente  come le affermazioni di Davide Fabbri non corrispondano al vero.

Ecco quanto ritenevo fosse doveroso spiegare.

Il giorno dei sorteggi dell’Europeo

Commenta con Facebook
Davide Buratti

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Lascia un Commento...