Cosa cercano i lettori?

Amo chi ragiona in termini di storie, di notiziabilità e di angoli di lettura, piuttosto che di vetrina di prodotti e promozione del brand. Oggi c’è chi lo chiama storytelling, ma non è nulla di nuovo. E’ l’approccio che utilizzava ad esempio un grandissimo dell’advertising come David Ogilvy, quando scriveva che l’annuncio per essere persuasivo doveva contenere più informazioni possibile.

«Quando affrontiamo una newsletter o un blog aziendale, il nostro approccio è sempre di mettere il lettore al primo posto, ragionando come se l’azienda fosse editrice di un magazine che la riguarda». A parlare è uno dei giornalisti di Treseiuno, il network delle cooperative della comunicazione di Legacoop Romagna. Allo stesso modo ognuno di noi giudica i blog e le newsletter che legge, credo.

Amo chi ragiona in termini di storie, di notiziabilità e di angoli di lettura, piuttosto che di vetrina di prodotti e promozione del brand. Oggi c’è chi lo chiama storytelling, ma non è nulla di nuovo. E’ l’approccio che utilizzava ad esempio un grandissimo dell’advertising come David Ogilvy, quando scriveva che l’annuncio per essere persuasivo doveva contenere più informazioni possibile.

Non è difficile. Basterebbe porsi delle domande.

Cosa può interessare davvero chi legge? Ci sono aspetti particolari del mio cliente che posso raccontare? Lati del processo produttivo o organizzativo che non sono mai stati analizzati e possono avere un impatto sulla vita reale? In che modo il prodotto è entrato nella vita di qualcuno, migliorandola? Il top management può dare informazioni su temi “caldi” come il futuro dei nostri figli, la ricerca di lavoro o l’andamento economico?

Troppo spesso le newsletter e le pagine social dei brand, anche i più famosi, sono completamente incentrati sulla propaganda e sull’immagine.

Commenta con Facebook
Stefano Tacconi

Stefano Tacconi

Nato a Perugia e residente a Forlimpopoli, dal 2008. La mia attività principale è quella di generare risparmi alle imprese tramite la mia cooperativa Tribucoop by Cooperdiem soc.coop. Oltre 50 aziende, non solo del mondo cooperativo utilizzano le soluzioni che ho sviluppato per ridurre, ottimizzare i principali centri di costo. Telefonia mobile e fissa, Posta, informatica, Vending, Noleggio a Lungo Termine, sono tra i principali contratti che le aziende posso usufruire, naturalmente sono sempre in cerca di nuovi servizi da offrire. In questo blog vorrei dare informazioni sui servizi di cui mi occupo. 

Lascia un Commento...