Macfrut è tornato leader

Scommessa vinta da Renzo Piraccini: ha pagato la scelta di riportarlo in maggio

Su Macfrut concordo con quello che ha scritto Riciputi. Cristiano, il miglior giornalista romagnolo di agricoltura, domenica, nella pagina cesenate del Corriere Romagna, ha scritto: Macfrut supera la​ prova più​ difficile, vale a dire quella di un’edizione a soli sei mesi dalla precedente.


È il successo soprattutto di Renzo Piraccini. Il presidente di Cesena Fiera oltre ad essere un manager illuminato è uno a cui non piace giocare in difesa. Forse è proprio questa la sua forza. Sapeva che è maggio il periodo migliore per organizzare Macfrut e non si è fatto pregare più di tanto, in men che non si dica ha fatto il grande passo. Non è una cosa da poco.

Organizzare un Macfrut in pochi mesi è di per sé è una cosa piuttosto complicata. Se poi ci aggiungiamo che questo è successo in contemporanea con la privatizzazione della fiera, è chiaro che le difficoltà sono state elevate alla massima potenza.


Cosa che non ha spaventato Piraccini e il suo staff. Hanno lavorato a testa bassa centrando il risultato che si erano prefissi: raggiungere il maggior numero possibile di espositori e operatori stranieri. E ce ne erano di tutti i tipi. Riciputi segnala la presenza di un gruppo di operatori provenienti dalla Russia. In media ognuno di loro coordina aziende di centinaia di ettari e ognuno superfici coperte da decine di ettari di serre. In genere questi fornitori dell’Est hanno cercato tecnologie e piante. Ma questo è solo un esempio.
Ma Riciputi ha ragione anche quando sostiene che la concomitanza con Tuttofood di Milano non ha frenato lo slancio della kermesse cesenate. Anzi, può essere stata un vantaggio. Non è da escludere che qualche operatore straniero indeciso abbia scelto di venire in Italia proprio perché sapeva che avrebbe potuto prendere i due classici piccioni con una fava.


Del resto se c’è qualcuno che deve preoccuparsi della concomitanza quello è Milano. Macfrut poteva temerla qualche anno fa. Ma adesso che si tiene a Rimini può guardare tutti dall’alto. Non c’è bisogno di fare la voce grossa, perché l’obiettivo deve sempre essere quello di vincere e non di stravincere. Ma una cosa è certa: ora Macfrut è tornata a dare le carte. Buon lavoro per l’edizione 2018.

Commenta con Facebook

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Dialoga con l'autore di questo post