Disoccupazione in calo: è arrivato il momento di cambiare lavoro

Il 2016 è appena passato in archivio, lasciandosi dietro alcuni sviluppi sul mercato del lavoro e sulla disoccupazione a tratti molto altalenanti: un discorso che fortunatamente non ha riguardato l’Emilia Romagna, in assoluto una delle regioni che ha registrato i trend più positivi per quanto concerne il mercato occupazionale. Stando ai dati comunicati dall’Istat, infatti, i primi 6 mesi del 2016 hanno segnato un +46.000 posti di lavoro in regione, con un aumento del +2,4% rispetto al medesimo periodo del 2015. Il tasso di disoccupazione è inoltre calato al 7,5%, ovvero a livelli decisamente inferiori rispetto alla media nazionale. In una situazione del genere, appare del tutto normale nutrire grandi speranze per quanto concerne il reperimento di un lavoro: a patto di accettare la possibilità di cambiarlo, adeguandosi alle nuove tendenze del mercato occupazionale.

 

Migliorarsi con un nuovo lavoro: come fare?

Prima di prendere una decisione netta, riguardante il cambio di professione, bisogna ovviamente capire come cercare un lavoro che si adatti alle nuove esigenze e che permetta di migliorare la propria situazione, e quali sono le zone emiliane più appetibili e promettenti: Bologna, da questo punto di vista, rappresenta una delle città dell’Emilia Romagna che offre maggiori opportunità di impiego. In questo senso, è il web a rappresentare la nuova porta d’accesso per la ricerca di una professione: i portali specializzati, infatti, consentono ad esempio di reperire le migliori offerte di lavoro a Bologna, personalizzando la ricerca grazie all’inserimento di filtri quali la zona geografica, la professione desiderata e tanti altri dettagli fondamentali per trovare un annuncio tagliato su misura. In questo modo, sarà molto più semplice ottenere una prospettiva chiara sui possibili nuovi lavori da intraprendere.

 

Reinventarsi professionalmente: quali sono le difficoltà?

Premesso che Internet dà una mano enorme nel reperire nuovi lavori e nel comprendere quali sono i settori che tirano di più, va comunque specificato che reinventarsi professionalmente non è mai una missione scontata. Detto questo, le principali difficoltà che affronta chi compie questa scelta sono le seguenti: innanzitutto il mettersi in gioco, senza esperienza e dunque con i relativi dubbi sulle proprie conoscenze, con conseguenze sull’autostima. Anche la presenza di persone già formate e con grande esperienza, è un motivo che potrebbe spingere il “nuovo arrivato” a temere per il proprio successo e dunque per la stabilità degli introiti. Ma è la mancanza di know how a rappresentare lo scoglio psicologico e pratico più difficile da superare.

 

Come superare le difficoltà? Ecco alcuni consigli

Il primo step è acquisire sicurezza nei propri mezzi, magari studiando quel nuovo settore e prendendo spunto da chi fa quel lavoro da anni. Una volta che avrete fortificato le vostre conoscenze, e trovato un’opportunità per monetizzarle, dovrete smettere di avere paura e credere in voi stessi, perché partirete già da una base più solida che non potrete far altro che migliorare: anche nel caso dei primi fallimenti, sappiate che si tratta di momenti fondamentali per un percorso di crescita personale ma anche professionale. Tutti, anche i professionisti di maggior successo, hanno fallito almeno una volta durante il loro percorso lavorativo.

Commenta con Facebook
Elena

Elena

La passione per la scrittura nasce fin da piccola, affollavo la mia camera di libri da leggere, ma soprattutto letti, fino a quando ho deciso di fare della mia passione un vero e proprio lavoro, sfruttando così al meglio le mie potenzialità. Questa scelta mi ha portato ad intraprendere un percorso di studi totalmente affine ai miei interessi: Scienze della Comunicazione. Durante l’università ho iniziato a collaborare con diverse riviste e giornali online con cui tuttora sono in contatto e per cui curo principalmente rubriche di attualità e curiosità. 

Tags:

Lascia un Commento...