30 maggio a Cesena: gli alunni della Primaria Carducci in “gita” all’Università

alessandro ricciLunedì 30 maggio presso la sede del Corso di Laurea in Ingegneria e Scienze Informatiche di Cesena (via Sacchi, 3) è in programma un evento molto particolare: si tratta di una “Gita all’Università” di 4 classi (2 seconde e 2 terze) della Scuola Primaria “Carducci di Cesena”, quale evento conclusivo del progetto sul “Pensiero Computazionale” attivato all’inizio dell’anno scolastico 2015/2016 tramite un’apposita convenzione fra Criad (Centro di Ricerche e Studi di Informatica Applicata alla Didattica), Ser.In.Ar., Direzione Didattica Statale 3° Circolo di Cesena, Istituto Tecnico Tecnologico “Pascal” di Cesena e FABLAB Romagna, finalizzata a portare, all’interno della già citata Scuola Primaria “Carducci”, azioni formative innovative, con l’utilizzo di strumenti informatici avanzati.

“L’obiettivo che ci siamo posti – spiega il Prof. Alessandro Ricci, docente presso il Corso di Laurea, oltre che Direttore di Criad (emanazione Ser.In.Ar.) – è di mettere a disposizione le competenze informatiche maturate in campo universitario nel contesto della scuola Primaria, al fine di avvicinare gli alunni alla programmazione, con metodi di carattere “giocoso” adatti alla loro età, un’attività che punta non solo a un approccio guidato al mondo informatico, ma anche allo sviluppo di capacità, creatività e competenze logico-matematiche”.

Saranno, dunque, ben 80 alunni, accompagnati dalle 4 insegnanti che hanno ideato e sviluppato il progetto insieme ai docenti dell’Università, a far visita alla sede del Corso di Laurea e avranno la possibilità di visitare uno dei Laboratori di Informatica e di svolgere le ultime attività per quest’anno. Il progetto verrà ripreso all’inizio del nuovo anno scolastico, dopo una verifica del lavoro svolto e del piano delle lezioni future insieme alle insegnanti del Carducci.

“Questa visita – conclude il Prof. Ricci – rappresenta un abbraccio ideale del mondo universitario nei confronti della scuola Primaria, un ponte ad intendere che il futuro dei nostri bimbi e del nostro Paese possa beneficiare dalla fruttuosa interazione e collaborazione di tutti i gradi d’istruzione, dall’Università alla Scuola Primaria.”

Commenta con Facebook
Avatar photo

Gigi Mattarelli

Gigi Mattarelli è legale rappresentante dell'agenzia di pubblicità Grafikamente, oltre che giornalista pubblicista da circa 30 anni, con una predilezione spiccata per la comunicazione sociale. E' direttore responsabile della rivista "Percorsi Solidali" edita dalla stessa Grafikamente, che da quasi 10 anni racconta storie di volontariato, cooperazione e associazionismo locale. Nel tempo libero dà sfogo alle sue grandi passioni, ovvero la bicicletta, il tifo per l'Inter e la venerazione per un gruppo musicale "cult" italiano, i Nomadi. E' autore dei volumi "C'era un volta un re bisre, bisconte, binè..." che ricorda la figura di don Amedeo Pasini, "Forlì&dintorni su due ruote" (ovvero 20 percorsi in biciletta alla scoperta della Romagna). "Il ruggito del Leone" (dialoghi con Romano Baccarini) e "Un sorriso contagioso" (che racconta la storia di LUca Berardi, atleta forlivese campione di nuoto e sci nordico) 

Dialoga con l'autore di questo post