L’assenza di lavoro costringe gli italiani a cambiare paese, la Romagna non fa eccezione

In Italia, i posti di lavoro sono ancora carenti. Molti sono disoccupati da anni, i più giovani finiscono la scuola e si trovano di fronte a ben poche possibilità, e solo i più fortunati riescono a trovare lavoro tramite amicizie e passaparola. Purtroppo, accade ancora che le raccomandazioni si rivelino particolarmente importanti per superare un colloquio di lavoro e ottenere il posto, e resta il fatto che chi si “accontenta” di poco è comunque costretto a fare i conti con un costo della vita decisamente caro, soprattutto in alcune città d’Italia.

Questo è quello che sta accadendo anche in Romagna, dove dal 2008 al 2014 il tasso di disoccupazione è passato dal 6,9% al 17,4%. Anche nel 2015 la situazione sarà analoga, come conferma Bologna.Republica.it. Inoltre, è utile sapere che sono circa 120mila i giovani romagnoli che hanno finito la scuola e sono rimasti disoccupati. Questo è quanto emerge dal report annuale del 2015 riguardante la situazione del mercato del lavoro in Emilia-Romagna: numeri allarmanti che mettono in difficoltà le famiglie, al punto tale che l’unica soluzione plausibile è trasferirsi all’estero.

I romagnoli decidono di cambiare Paese e di andare a cercare un lavoro o anche un semplice tirocinio altrove. Altri accettano anche di fare le ragazze (o i ragazzi) alla pari per fare una nuova esperienza e imparare la lingua del posto. Molti penseranno che non è molto, ma sicuramente è la soluzione più giusta e in grado di sormontare il problema riscontrato in Romagna e nel resto d’Italia, ovvero la carenza di posti di lavoro. Pertanto, chiunque decidesse di seguire questo esempio, dovrà programmare il proprio viaggio nel dettaglio, fare ricerche e optare per la destinazione giusta. Tuttavia, qualunque sia la meta selezionata, è opportuno ricordare che organizzare un trasloco all’estero non è semplice visto che ci sono svariate cose da tenere in considerazione. Per ridurre drasticamente il problema e è consigliabile affidarsi a un’agenzia che si occupa di traslochi internazionali in modo da concentrarsi solo su quello che rimane, lasciando il lavoro pesante a dei professionisti.

Perché questo suggerimento? Il motivo è che un trasferimento di questo genere richiede il conseguimento di un iter particolare che può essere differente in base alla destinazione, varie pratiche doganali, container e diversi tipi di documenti. Perciò, un’agenzia specializzata è la soluzione per ottenere la giusta consulenza e per delegare tutte le pratiche a professionisti competenti.

Ad ogni modo, prima di avviare il trasloco, il consiglio è quello di verificare le reali opportunità lavorative offerte dalla città estera scelta, trovare un alloggio temporaneo e scegliere quali sono i beni che meritano veramente di essere portati all’estero. Una volta fatto questo, potrete decisamente organizzare al meglio il vostro viaggio e partire con molta più tranquillità.

Commenta con Facebook
Elena

Elena

La passione per la scrittura nasce fin da piccola, affollavo la mia camera di libri da leggere, ma soprattutto letti, fino a quando ho deciso di fare della mia passione un vero e proprio lavoro, sfruttando così al meglio le mie potenzialità. Questa scelta mi ha portato ad intraprendere un percorso di studi totalmente affine ai miei interessi: Scienze della Comunicazione. Durante l’università ho iniziato a collaborare con diverse riviste e giornali online con cui tuttora sono in contatto e per cui curo principalmente rubriche di attualità e curiosità. 

Tags:

Lascia un Commento...