ANIMA SENZA CONFINE SCENOGRAFIA DI MICHELE ANGELICCHIO 1° CLASSIFICATA AL TURINLIVEFESTIVAL 2015 SEZ. TEATRO.

ANIMA SENZA CONFINE si è classificata al 1° posto per la sezione Teatro al TurinLiveFestival. L'esibizione è stata fatta venerdì 27 novembre ma la premiazione sarà fatta venerdì 3 dicembre al teatro San Paolo di Rivoli (TO).

 

La 6° edizione del TurinLiveFestival non è solo un festival, ma un progetto che, in virtù di un forte intreccio tra le diverse discipline in concorso, si propone di valorizzare la creatività e la passione per l’arte di tutti gli artisti protagonisti.

Anima senza confine”, monologo che riporta alla luce fatti realmente accaduti.

Si tratta del racconto di un’esperienza realmente vissuta tra la terra istriana e quella italiana. Se vogliamo, una storia d’amore e odio, vita e morte.

La protagonista, donna di umili origini, ripercorre alcuni momenti importanti della sua vita, dall’infanzia trascorsa in Istria fino ad arrivare al momento in cui decise di lasciare la sua terra per raggiungere l’Italia.

Dalla povertà, alla lotta dell’amore della sua vita, dalla guerra alle foibe, dall’esodo al riscatto.

Il linguaggio molto semplice e quotidiano lascia spazio a momenti molto intimi e a tratti poetici.

Quindi un susseguirsi di ricordi, intrisi di amarezza, ma sempre con un pizzico di ironia.

La lettura è accompagnata da musiche originali e inedite composte appositamente per questo progetto dal musicista e compositore Giò Manzardo.

La regia è di Eloisa Mineccia.

Le scenografie sono di Michele Angelicchio.

L’esibizione è stata fatta venerdì 27 novembre ma la premiazione sarà fatta venerdì 3 dicembre al teatro San Paolo di Rivoli (TO).

ANIMA SENZA CONFINE si è classificata al 1° posto per la sezione Teatro con la seguente motivazione da parte della Giuria del TurinLiveFestival:

“Misurata nell’esprimere il dolore, un dolore che sa mostrarci con tutto il linguaggio del corpo, capelli compresi, capelli torturati da mani nervose, capelli portati davanti il viso per nascondere lacrime e con essi nascondersi a un mondo che non ha più niente di umano, Sparire, come i bambini che quando chiudono gli occhi sono sicuri di non essere visti. Bravissima nel narrarci con il corpo, con i silenzi, il sussurrato e l’urlato, il riso e il pianto, portarci, lei sola, in un affollato teatro di guerra dove rimbombano i passi di spietati aguzzini mentre il rumore delle violenze soffoca il lamento delle vittime. Ottima dizione, padronanza dello spazio scenico, cura nella scenografia agile ma efficace. Primo premio ampiamente meritato.”

Giudizio di Maria Adele Giommarini, Presidente di Giuria del TurinLiveFestival

 

INCONTRO TRA TEATRO E ARTE FIGURATIVA

L’artista Michele Angelicchio è l’autore delle scenografie dello spettacolo, che consistono in pannelli disegnati a mano rappresentanti dettagli del paesaggio carsico tipico della zona istriana.

Inoltre, diversi dipinti vengono esposti nella sala, i quali immortalano alcuni momenti

significativi del monologo, in modo da avvolgere ulteriormente il pubblico nell’atmosfera evocata da Anita.

 

MICHELE ANGELICCHIO

artista

Nasce a San Giovanni Rotondo (Foggia) il 4 maggio 1979 e cresce in una

famiglia di solide tradizioni e cultura a Vico del Gargano (Foggia).

Ne l 19 9 7 t e rmi n a g l i s t u d i , diplomandosi come tecnico elettronico,

e nel 1999, una volta assolti gli obblighi di leva, vince un concorso interno

all’Esercito.

Si trasferisce per lavoro a Viterbo, Cesena, Verona, Roma e a Bologna, dove

vivrà per 8 anni, ed è proprio a Bologna che riscopre la vocazione artistica

realizzando una serie di nuovi dipinti.

Nel 2007 si trasferisce a Muggia (Trieste) dove ancora risiede. Nel 2012 incontra

l’attrice, artista Martina Valentini Marinaz, che sposerà nel 2014. Grazie a questo

incontro, Angelicchio riprende con costanza l’attività artistica sperimentando

nuove tecniche e linguaggi pittorici.

Tra le ultime opere realizzate, spiccano le scenografie per lo spettacolo teatrale

Anima senza confine” e alcune opere di grandi dimensioni su parete, realizzate per committenti privati.

Il 2015 è un anno ricco di esposizioni e successi. Ricordiamo ad esempio le

esposizioni nei foyer del Teatro Comunale Verdi di Gorizia in occasione

dell’anniversario della nascita della città e del Teatro Miela di Trieste in occasione

dell’evento dedicato a Erik Satie, Kermesse “L’occhio vuole la sua p/arte”. Ha

esposto inoltre a ROMART 2015, Biennale Internazionale di Arte e Cultura, con uno spazio a lui interamente dedicato; al Circolo Ufficiali delle Forze Armate, Palazzo Barberini a Roma, in occasione dell’evento artistico Symposium promosso dall’Accademia Costantina e MF Eventi di Monica Ferrarini; al museo Museo Magazzino delle Idee di Trieste e alla prestigiosa Galleria Farini di Bologna.

Infine “Il tricolore su Gorizia” e “Verso la presa di Gorizia” appariranno nel calendario ANAC 2016 (Associazione Nazionale Arma di Cavalleria).

Sempre nel 2015 entra a far parte a tutti gli effetti del marchio mvm Arts in veste di

co-direttore.

 

ANIMA SENZA CONFINE SCENOGRAFIA DI MICHELE ANGELICCHIO

ANIMA SENZA CONFINE SCENOGRAFIA DI MICHELE ANGELICCHIO

ANIMA SENZA CONFINE SCENOGRAFIA DI MICHELE ANGELICCHIO

ANIMA SENZA CONFINE SCENOGRAFIA DI MICHELE ANGELICCHIO

ANIMA SENZA CONFINE SCENOGRAFIA DI MICHELE ANGELICCHIO

ANIMA SENZA CONFINE SCENOGRAFIA DI MICHELE ANGELICCHIO

ANIMA SENZA CONFINE SCENOGRAFIA DI MICHELE ANGELICCHIO

ANIMA SENZA CONFINE SCENOGRAFIA DI MICHELE ANGELICCHIO

 

Rosetta Savelli

2 dicembre 2015

Commenta con Facebook
Avatar photo

Rosetta Savelli

La scrittrice Rosetta Savelli coltiva da sempre l'amore per la Musica, la Letteratura e l' Arte in tutte le sue espressioni. Ha pubblicato quattro libri: un racconto , una raccolta di poesie e due romanzi. Ha partecipato a numerosi Concorsi Letterari, sia nazionali che internazionali ottenendo riconoscimenti e pubblicazioni. E' inoltre presente in una ventina di antologie letterarie, sia di prosa che di poesia. Ha pubblicato racconti su riviste specializzate di Arte e Letteratura. Ha partecipato a trasmissioni televisive e radiofoniche ed ha intervistato noti personaggi della Cultura e dello Spettacolo. Rosetta Savelli è una donna libera ,che vive in modo autonomo ed indipendente rispetto alle convenzioni, sia sociali che individuali e considera la vita come un'incessante e complessa ricerca di ciò che è giusto e di ciò che è vero. E' una donna che considera la ricerca sempre come prioritaria alla certezza e che vive in modo coerente rispetto ai propri pensieri. Il suo romanzo "La Primavera di Giulia" è stato pubblicato dal Ponte Vecchio in Cesena nel 2006. Il racconto "Iris e Dintorni" e la raccolta di poesie "Le Magie che mi soffiano lontano" sono stati pubblicati nel 2002 dalla Firenze Libri e sono stati presentati alla 55° Fiera del Libro di Francoforte nel 2003, inseriti nel volume antologico "White Land L' Autore". Nel 2009 ha partecipato al Premio Letterario Firenze per le Culture di Pace, dedicato a Tiziano Terzani ed è stata inserita nel volume antologico "Racconti per la Pace" con il racconto "Il Mondo nella piazza davanti a casa mia". Con il racconto "Rendere e non finire " pubblicato sul quotidiano indipendente online "La Voce D' Italia" ha partecipato al Premio Giornalistico Nazionale "Natale UCSI 2006". Nel 2012 ha partecipato ed è stata premiata al xx° Concorso Letterario Internazionale A.L.I.A.S.- Associazione Letteraria Scrittori Italo Australiani, ottenendo il 2° posto con la poesia "La Torre Campanara ed il Castello" e la menzione di merito per la sezione narrativa con il racconto "La Corda di Carbonio". Ha scritto molti articoli per la rivista multiculturale indipendente “Horizon Literary Contemporary” con sede in Bucharest e diramata poi nel mondo. Scrive inoltre articoli per diversi Magazine online. E' stata fra i tre vincitori all'evento Turboblogging per Aster- Rete di Alta Tecnologia dell'Emilia Romagna presso il CNR in Bologna nel giugno 2013. Nel 2014 ha partecipato al Concorso Big Jump con il suo ultimo romanzo pubblicato in Amazon “Celeste (Da qui a Hollywood la strada è breve)” risultando 15° fra 220 concorrenti. Nel 2014 ha iniziato la collaborazione con la Rivista Juliet Art Magazine – prestigiosa Rivista di Arte Contemporanea e di Avanguardia con una rubrica propria. Nella 2° edizione dell'evento Turboblogging promosso da Aster- CNR Bologna, nel 2014, si è classificata nuovamente tra i vincitori, ottenendo come premio di fare parte per una settimana della Redazione di Radio Città del Capo a Bologna, nel mese di aprile 2015. Nel mese di ottobre 2015 Rosetta Savelli ha vinto il III° Premio alla V° Edizione del Premio Kafka Italia 2015 in Gorizia, presso Kulturni C Lojze Bratuž, con il Racconto “Iris e Dintorni” edito nel 2003 dalla Firenze Libri . Nel mese di aprile 2017 Rosetta Savelli insieme all'artista Daniele Miglietta ha vinto il Premio della Critica in occasione della I°Edizione del Concorso online “Poesia a Colori” - Dall'incontro di due artisti le parole si colorano. Indetto dall'Associazione Arte per Amore, sotto la Presidenza di Barbara Benedetti. Rosetta Savelli ha partecipato con la poesia “Se sei donna ti diranno che ti manca” abbinata all'opera pittorica di Daniele Miglietta “Sleeping on flowers”. Collabora con la rivista di arte contemporanea "Juliet art magazine" con sede a Muggia (Trieste) e diretta da Roberto Vidali. Collaborazione nata nell'anno 2014 e tutt'ora in atto. 

Tags:

Dialoga con l'autore di questo post