Benedetta Falugi, Belle Bandiere, Rob Mazuerk e ceramica artistica in Romagna

Benedetta_Falugi11

Benedetta Falugi

Dopo l’intensissima agenda pre-autunnale, ora gli appuntamenti culturali e di spettacolo del territorio romagnolo si concentrano tra teatri, musei, gallerie e club, con concerti, l’apertura delle stagioni teatrali e mostre.

E proprio da una mostra, fotografica, inizia il nostro piccolo excursus sugli eventi delle prossime due settimane. A Ravenna, infatti, inaugura venerdì 6 novembre alla galleria Lilith (via di Roma 82Y) la mostra della fotografa toscana Benedetta Falugi dal titolo “Seaside”, curata da Silvia Bigi. Si tratta di quattordici immagini in cui spicca la sorprendente somiglianza della costa tirrenica in connessione al territorio romagnolo. Una piccola esplorazione del territorio italiano, dunque, visto come fil rouge che abolisce ogni distanza fisica e concreta. I lavori della Falugi, realizzati su pellicola e caratterizzati da uno stile pulito, denotano una grande capacità di cogliere l’essenza delle cose osservandole senza disturbare. I suoi scatti sono pubblicati su giornali cartacei e online ed esposti in varie mostre in Italia e all’estero. La mostra, a ingresso gratuito, sarà visitabile fino al 10 dicembre.

CERAMICS, FOOD AND DESIGN: QUANDO I CERAMISTI INCONTRANO I DESIGNER

CERAMICS, FOOD AND DESIGN

Altra esposizione, ma di tutt’altro genere, è poi quella che inaugura sempre venerdì 6 al Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza, “Ceramics, Food and Design. Quando i designer incontrano i maestri ceramisti”, a cura di Maria Christina Hamel. La mostra, dopo essere stata esposta alla Fabbrica del Vapore di Milano, torna nella città dove le ceramiche sono state prodotte. Esposti una ventina di manufatti in ceramica con la funzione di contenitori per il cibo, frutto della collaborazione tra 21 designer internazionali e 17 artigiani ceramisti faentini.

La morte e la fanciulla

La morte e la fanciulla

Venerdì 13 novembre ecco poi al teatro Comunale di Russi (ore 20.45) l’anteprima di “Storie di Giasone e Medea”, lavoro su Giasone e Medea portato in scena dalla compagnia Le Belle Bandiere. Dopo Antigone, ancora una tappa lungo il percorso sul mito, la prima occasione per assistere a uno spettacolo in divenire, un viaggio che parte dalla tragedia di Euripide, percorre le riscritture successive e approda ai giorni d’oggi attraverso la narrazione di amori, passioni, potere, conflitti insanabili e senza tempo. La regia è di Elena Bucci e Marco Sgrosso, anche protagonisti insieme a Daniela Alfonso, Nicoletta Fabbri e Filippo Pagotto.

Rob Mazurek

Rob Mazurek

Domenica 15 novembre alle 18 il nuovo teatro Felix Guattari (ex Filanda Maiani) ospita un evento collaterale della Settimana del Buon Vivere, ossia il concerto dei Rob Mazurek Black Cube SP, organizzato da Area Sismica. Con questo nuovo progetto Rob Mazurek riunisce i musicisti più creativi e intraprendenti della ribollente scena musicale di Sao Paulo. Il cornettista di Chicago, che negli ultimi anni è stato premiato più volte come miglior jazzista dalle testate specializzate di tutto il mondo, italiane comprese, shakera mirabilmente l’esperienza dei suoi celebrati Sao Paulo Underground per percorrere una traiettoria musicale di rara bellezza. Con un sound composto da texture elettroniche, da una tavolozza di improvvisazioni e interazioni ferocemente allegre e melodiche, i Black Cube SP stupiscono e affascinano con un torrente musicale e spirituale molto potente, etichettabile come jazz-folk brasiliano-elettronica-psichedelia e chi più ne ha, più ne metta.

Commenta con Facebook

Lascia un Commento...