Truffe on-line, attenzione al “Cryptolocker”

Furto, richiesta di riscatto, pagamento. Questo il triste meccanismo ideato dagli hacker che diffondono in Rete il famigerato virus “Cryptolocker”. Nell’ultimo periodo la sottrazione di dati da computer attraverso questo sistema è in forte ascesa, ogni utente che abbia a che fare con Internet e posta elettronica è pericolosamente a rischio.

cryptolocker3

Di cosa si tratta? Cryptolocker è un cosiddetto “trojan” informatico che cripta i dati contenuti nella memoria dei dispositivi collegati alla Rete (ma anche all’interno dei sistemi cloud), per poi richiedere un vero e proprio riscatto in cambio della chiave per decriptare le informazioni criminosamente sottratte.

Come funziona? L’utente riceve una mail con all’interno un allegato da scaricare o un semplice link che indirizza a presunte spedizioni o prestazioni di servizi a suo favore. A questo punto, scaricando il file, viene iniettato il virus che, criptandoli, renderà inaccessibili tutti i dati. Per sbloccare la spiacevole situazione sarà quindi richiesto, dagli hacker, il pagamento di una somma in denaro, solitamente in Bitcoin, una moneta virtuale gestita autonomamente attraverso i siti di cambio, senza il controllo di alcuna autorità ufficiale (al cambio attuale 1 Bitcoin vale circa 257€).

Aziende private e pubbliche, cooperative, Pubblica Amministrazione, privati cittadini, tutti a rischio. Occorre prestare profonda attenzione a mail sospette, soprattutto a quelle che hanno come oggetto vendite, vettori postali, utenze e servizi. Il consiglio è quello di aggiornare costantemente l’antivirus ed eseguire periodicamente il backup dati trasferendoli in una memoria esterna e, nel caso si subisca una truffa, rivolgersi immediatamente alla Polizia Postale.

Commenta con Facebook
Michele Rosetti

Michele Rosetti

Classe '84, laureato in Scienze della Comunicazione, ama la Romagna, Bologna e la carta stampata. Collabora e scrive articoli per Tribucoop, appassionato di tecnologia, nuovi media e musica brit. Vive tra montagne di quotidiani nella ridente Forlì. 

Tags:

  2 comments for “Truffe on-line, attenzione al “Cryptolocker”

  1. 17 Luglio 2015 at 21:08

    Michele, tutto questo è molto interessante e ben scritto. Non dimenticare però che devi trovare sempre un aggancio al tema della cooperazione 🙂 ciao

  2. Michele Rosetti
    19 Luglio 2015 at 21:26

    Certo Emilio, col mio post ho intenzione di mettere tutti in guardia sul fenomeno del cybercrime. Tutti, universo cooperativo compreso!

Lascia un Commento...