Editoria: quello che Riffeser non dice

A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si prende. Qualcosa del genere, se non ricordo male, lo disse qualcuno che in Italia è stato molto potente. La frase torna di stretta attualità in un momento topico per l’editoria. Sono in giorni in cui si decide il futuro dei giornali non profit e cooperativi. E in un momento come questo Andrea Riffeser Monti, editore del Resto del Carlino e della Nazione, interviene a gamba tesa. Ha detto che Renzi deve togliere i contributi ai giornali per non far vivere quelli che stanno in piedi artificialmente”.
Dal suo punto di vista è una posizione perfettamente legittima. Eliminando i contributi uscirebbero dal mercato tanti piccoli giornali e quella fetta di copie e pubblicità finirebbero nelle mani di un ristretto gruppo di editori. Saranno contenti i Cinque Stelle e, in particolare Grillo (col quale un giorno, a Cesena, ebbi un confronto molto duro), che sono stati l’ariete nella campagna che potrebbe portare alla cancellazione delle piccole realtà e alla creazione di un mezzo monopolio nella carta stampata.
Che Riffeser sia bravo a cercare di influenzare la politica è risaputo. Del resto fa il suo lavoro, e bene. Non a caso, nel recente passato, suoi giornalisti di punta sono stati schierati sia a livello regionale (Cane’) che nazionale (Mazzucca). Adesso scende in campo direttamente. E fa un appello a Renzi per tagliare i contributi. A parte il delicato tema della pluralità dell’informazione, ci sono alcune cose che Riffeser non dice. L’aspetto forse più importante è che quei contributi che l’editore del Carlino vorrebbe cancellare, allo Stato non costano niente (i soldi rientrano grazie al Pil che si genera) e consentono di non dare un colpo pesantissimo all’Inpgi che già sta soffrendo moltissimo. Molto più a fondo perduto sono invece i soldi per i prepensionamenti, dei quali i grandi editori, soprattutto, hanno fatto incetta a piene mani e per i quali chiedono che il governo stanzi ulteriori fondi.
Sia chiaro, in un momento così difficile per l’editoria i prepensionamenti sono importanti in quanto permettono di di alleggerire gli organici senza appesantire i conti dell’Inpgi. L’errore è cercare di far valere la legge del più forte. Come in tutte le cose, serve equilibrio e anche buon senso.
Nell’editoria, come in tutto il resto. Non è bello vivere in un paese regolato con le leggi della giungla. Non dimentichiamo mai che la vera forza dell’Italia è stata la distribuzione della ricchezza grazie alla presenza della classe media. Quella che, più di ogni altra, ha risentito gli effetti della crisi e che certe politiche industriali rischiano di tarparle definitivamente le ali.

Commenta con Facebook
Davide Buratti

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

  1 comment for “Editoria: quello che Riffeser non dice

Lascia un Commento...