Oriana Fallaci, mille e una donna, nel ricordo di Maria Rosaria Omaggio e Andrzej Waida

Dopo il recente tributo a Pier Paolo Pasolini, la stagione del Cinema Teatro Moderno di Savignano sul Rubicone prosegue sabato 21 marzo (ore 21) con un doppio evento dedicato a un’altra grande mente non allineata dell’Italia contemporanea, Oriana Fallaci. Si comincia con l’Omaggio a Oriana di Maria Rosaria Omaggio che, dopo aver interpretato la Fallaci nel film Walesa. L’uomo della speranza del premio Oscar Andrzej Wajda, aggiudicandosi la menzione speciale del Premio Pasinetti alla 70a Mostra del cinema di Venezia, dà voce e volto all’indimenticata autrice fiorentina anche a teatro, con brani tratti dai suoi tanti scritti. E si prosegue proprio con la proiezione del film di Wajda.

Militante antifascista, paladina della liberà e dei diritti delle donne, amica delle star di Hollywood e degli astronauti della Nasa, inviata in Vietnam. E ancora, giornalista d’assalto capace di conquistarsi la fama con interviste spietate ai potenti della Terra, romanziera di successo planetario, polemista controversa, sempre pronta a difendere la propria autonomia di pensiero: “Essere giornalista per me significa essere disubbidiente. Ed essere disubbidiente significa, tra l’altro, stare all’opposizione. Per stare all’opposizione bisogna dire la verità. E la verità è sempre il contrario di ciò che ci viene detto”. Oriana Fallaci, in assoluto la giornalista e scrittrice italiana più conosciuta al mondo, è spesso ricordata per pochi aspetti della sua leggendaria carriera. Accompagnata dai video di Carlo Fatigoni e dalle foto di Adolfo Franzò, Maria Rosaria Omaggio ne racconta anche le pagine dimenticate, e nella Giornata mondiale della poesia comincia da un aspetto tra i meno conosciuti, l’amore per la parola poetica.

Punto di partenza sono i versi che la stessa Fallaci scrisse per Sam morente in Niente e così sia e una poesia di Pier Paolo Pasolini, a cui era legata da un’amicizia viscerale. Non potranno mancare i versi di Alekos Panagulis, a ricordare il drammatico rapporto della scrittrice con il poeta, militante ed eroe nazionale greco che poco prima di morire tragicamente le scrisse: “Viaggio per acque sconosciute su una nave / simile a milioni di altre navi … venne infine l’ora di salpare. / E salpai”. Oriana Fallaci raccontò la loro storia in uno dei più grandi successi internazionali dell’editoria italiana, Un uomo. Lo fece senza nascondere paure e sentimenti, come in tutti i suoi libri da Penelope alla guerra a Lettera a un bambino mai nato, da Intervista con la Storia a Un cappello pieno di ciliege, fino al contestatissimo La rabbia e l’orgoglio, dimostrandosi sempre aggressiva e fragile, timida e indomita. Una donna capace di indossare un casco militare o di sfidare un ayatollah togliendosi il chador, ma anche di soffrire per amore o per la mancata maternità. Non vi era per lei mai nessuna contraddizione: “Essere donna è così affascinante. È un’avventura che richiede un tale coraggio, una sfida che non finisce mai”.

La parola recitata lascia poi spazio al cinema con la proiezione del film più recente di Andrzej Wajda, Walesa. L’uomo della speranza (2013, 127’) biografia d’autore dedicata all’operaio polacco premiato con il Nobel per la pace nel 1983. Oriana Fallaci (Maria Rosaria Omaggio) intervista Lech Walesa (Robert Więckiewicz): il film si sviluppa attorno a questo filo conduttore, ricostruendo il percorso del leader di Solidarność verso la maturità politica, ma anche la sua vita privata e il rapporto con la moglie Danuta. Al pensiero di un’esistenza normale si oppongono eventi importantissimi che richiedono una presa di posizione ferma. Lottando per la libertà e proteggendo la propria patria dalla tirannia, l’operaio Walesa diventerà il primo presidente polacco scelto in elezioni libere e l’uomo che preparerà il terreno al più grande riassetto dell’ordine politico mondiale del secondo Novecento.

Cinema Teatro Moderno di Savignano sul Rubicone, sabato 21 marzo, ore 21 (www.cinemateatromoderno.it)

BIGLIETTI: Intero € 15,00 – ridotto € 12,00 – Prevendita online: www.vivaticket.it

Prenotazioni telefoniche: cell. 389 0171314.  I biglietti sono in vendita il giorno dello spettacolo dalle ore 18 presso la biglietteria del Cinema Teatro Moderno. Riduzioni valide under 25, over 65, soci Associazione Cinema Teatro Moderno, soci Romagna Est e giovani clienti soci Estroclub.

Maria Rosaria Omaggio © Adolfo Franzo_

 

 

Commenta con Facebook

Lascia un Commento...