Tra incubi e sogni, il pendolo della politica

Il professor Giovanni Battista Bachelet

Il professor Giovanni Battista Bachelet

Tra incubi e sogni. Il pendolo della politica è il titolo dell’incontro che si terrà sabato 26 ottobre alle ore 16 presso il Centro culturale San Francesco a Forlì (via Marcolini 4), nell’ambito del festival L’Occidente nel labirinto XIII – La tempesta. Elogio del sogno organizzato dal Circolo Acli ‘L. Valli’ e da 50&PIÙ.

Ne parleranno, in un dialogo a due voci, il professor Giovanni Battista Bachelet, dell’Università di Roma “La Sapienza”, e il sindaco di Forlì, Roberto Balzani. Modera Alessandra Righini, presidente del Circolo Acli L. Valli.
Numerosi i punti di contatto fra i due relatori: entrambi sono stati prestati alla politica dal mondo universitario, entrambi hanno lasciato il proprio mondo inseguendo il sogno di una politica innovativa e progressista, animata da spinte ideali.

Nel corso dell’incontro verranno intrecciate le due diverse storie e le spinte ideali che in un mondo in profonda “tempesta” spingono il pendolo della politica fra incubo e sogno.

Nella mattinata, alle 11.00, il professor Bachelet ha incontrato gli studenti presso il Liceo Artistico e Musicale di Forlì. Il tema dell’incontro, “La scuola, tra sogni e illusioni”, in un dibattito intorno al valore della scuola, in un’Italia più portata a vedere l’istruzione come settore nel quale risparmiare, piuttosto che investire. L’incontro è stato aperto anche a classi di altre scuole superiori forlivesi.

Il professor Giovanni Battista Bachelet, figlio di Vittorio Bachelet colpito a morte dalle Brigate rosse nel 1980, è docente ordinario presso l’Università la Sapienza di Roma, al Dipartimento di Fisica. Nella precedente legislatura è stato eletto in Parlamento e ha fatto parte della Commissione Cultura, Scienza e Istruzione. Organizzò un Forum dell’Istruzione, molto partecipato, fra il 2010 e il 2012. Al termine della legislatura decise di ritornare alla docenza.

Per informazioni: www.aclivalli.it

Paola Francia

Commenta con Facebook

Lascia un Commento...