Aumenta l’IVA per le coop sociali, l’appello agli amministratori locali

La legge di stabilità 2013 ha previsto che a partire dal prossimo anno passi dal 4 al 10% l’aliquota IVA di asili, ospizi e RSA, assistenza domiciliare, comunità per minori, centri per disabili ecc. gestiti dalle cooperative sociali.

A Forlì e Cesena oltre centoventi cooperative sociali aderenti alle Centrali Cooperative AGCI, Confcooperative e Legacoop del territorio danno lavoro a circa 4200 dipendenti, di cui circa 3000 soci, e sono pienamente integrate nel sistema di welfare pubblico, nel quale giocano un ruolo di estrema importanza per il volume di servizi svolti: oltre 200 milioni di euro nelle varie aree, dalla gestione dei servizi per il disagio adulti ai nidi, dalle strutture per anziani e l’assistenza domiciliare ai servizi per l’handicap, dal sostegno scolastico all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate.

In Italia ci sono circa 12.000 cooperative sociali e loro consorzi che occupano 380.000 persone e raggiungono con i loro servizi 6 milioni di cittadini. Oggi le cooperative sociali e i Comuni sono in prima linea a fronteggiare le ricadute della crisi sui cittadini e a garantire il welfare territoriale e i livelli essenziali di assistenza, investendo su modelli innovativi di gestione dei servizi.

Le politiche di riduzione della spesa prese a livello comunitario e nazionale negli ultimi anni vanno nella direzione opposta a quella che servirebbe per implementare un modello di federalismo democratico, Stato sussidiario e welfare delle responsabilità.

La nuova aliquota del 10% si applicherebbe alle prestazioni socio sanitarie ed educative rese dalle cooperative sociali in esecuzione di contratti di appalto e di convenzioni in generale. Con l’aumento del 150% dell’IVA, una quota del 6% del costo dei servizi di welfare resi a persone svantaggiate affidati dai Comuni alle cooperative sociali finirà alle casse statali: il contrappasso della sussidiarietà!

Le centrali cooperative esprimono forte preoccupazione per le conseguenze che questo provvedimento potrebbe avere, in termini di tenuta dell’occupazione e di riduzione dei servizi. Si rivolgono anche agli amministratori locali per ribadire la necessità di mantenere l’IVA per le prestazioni di servizi socio sanitari ed educativi resi dalle cooperative sociali al 4% e abrogare i commi 488, 489 e 490 dell’art. 1 della legge di stabilità 2013, invitando gli stessi ad attivarsi in tutte le sedi istituzionali affinchè sia sconguirato il previsto aumento.

Gli enti locali per far fronte all’aumento dell’IVA di 6 punti percentuali, con le medesime risorse del 2013, nel 2014 forniranno meno servizi sociali: si taglieranno i servizi di inclusione sociale proprio alle fasce più deboli della popolazione.

A livello di impatto economico non vi sarà alcun aumento del gettito dall’incremento dell’IVA: l’unico effetto sarà quello di spostare risorse dagli enti locali alle casse statali senza alcun vantaggio reale e ridurre del 6% le prestazioni di welfare territoriale che i Comuni oggi garantiscono.

Inoltre, quest’anno l’Unione Europea varerà una riforma complessiva del regime IVA e, quindi, bisognerà intervenire ancora a livello nazionale su questa materia: farlo ora è immotivato e irrazionale aumentando il clima di incertezza.

Commenta con Facebook
Enrica Mancini

Enrica Mancini

Enrica Mancini, laureata in scienze della comunicazione, nella vita si occupa di formazione aziendale. Per Romagnapost.it si occupa di politica ed economia sociale. 

Lascia un Commento...