È ora che la Romagna faccia sistema

Fare sistema. Potrebbe essere questa una delle chiavi per il successo di un territorio. Vale sia per il privato che per pubblico.
A nessun livello, ma, soprattutto, in realtà come le nostre nessuno può pensare di essere autosufficiente. Confronto e mediazione quindi sono fondamentali. Per fare sistema non c’è un ambito ideale. Né fra i privati e tanto meno fra il pubblico.
Il Cesenate, ad esempio, unendosi ottenne un risultato importante per quanto riguarda il casello autostradale del Rubicone. I Comuni (appoggiati dalla Cassa di Risparmio) decisero di pagare una quota parte e furono battute le resistenze della società autostrade ottenendo quindi un grande risultato. L’unione del solo Cesenate però non sarebbe stato sufficiente per fare la diga Ridracoli. Serviva un ambito più ampio.
Ci si riuscì, anche in quel caso puntando al risultato anche a costo di   rinunciare a una parte di autonomia.
Un ambito provinciale invece potrebbe non essere sufficiente per una proposta culturale e turistica di grande livello.
Per fare un salto di qualità bisogna vendere il territorio. E la Romagna o una parte di essa potrebbe creare un pacchetto veramente interessante e che non avrebbe niente da invidiare a tante altre zone d’Italia molto più pubblicizzate. A partire dalla rinomatissima Toscana.
A pochi chilometri di distanza abbiamo grandi motivi di richiamo. Pensiamo, ad esempio, alla stupenda Faenza, alle sue maioliche e ai suoi colli con in testa Brisighella. Nel pacchetto ci potrebbe essere l’architettura fascista di Forlì, la diga di Ridracoli, Casa Artusi di Forlimpopoli, Bertinoro (incantevole balcone della Romagna), Cesena con la Malatestiana, la Rocca e la Fontana Masini, la Valle del Savio con la Pieve di Mote Sorbo, i musei di Sarsina, il porto leonardesco di Cesenatico, le saline di Cervia. E poi Ravenna che con la sua storia trasuda cultura e offerta turistica in  ogni angolo. Ma ci sarebbe anche tanto altro a partire dalle numerose offerte termali. Poi andrebbero unite le tantissime  specialità enogastronomiche a partire dalla piadina, dal pesce fritto nel cono, al formaggio di fossa, l’olio di Brighella e il vino che sta sempre più crescendo di qualità.

Davide Buratti

Commenta con Facebook

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Tags:

  2 comments for “È ora che la Romagna faccia sistema

Dialoga con l'autore di questo post