“Avvistata” anche nel polo forlivese la nuova moda della socializzazione sul web

L’università è un microcosmo variegato, in una sola aula si possono trovare ragazzi e ragazze provenienti da città e regioni diverse. Per quanto una lezione possa essere interessante, non c’è modo di resistere alla tentazione di vagare con lo sguardo e curiosare in questo mare di diversità. Immancabilmente lo sguardo si poserà su un particolare: il piercing alla narice di quella moretta, o i capelli rasati del fusto di turno. Di certi particolari ci si può anche innamorare. E a quel punto si farà di tutto per dare un nome e una voce a quel piercing e a quei capelli. Si cercherà un buon pretesto per ricominciare a fumare, pur di chiedere una sigaretta, si penserà a un motivo per trovarsi davanti allo stesso distributore di caffè alla stessa ora. O più semplicemente si lascerà un messaggio su Facebook.

È nata infatti la pagina “Spotted Università di Bologna” (spotted = avvistato), seguendo una moda che già diffusa da ormai due anni nelle università nordeuropee e che a piccoli passi si sta affacciando anche nel nostro Paese. 

spotted

Si tratta di gruppi dove gli studenti di una stessa università, o in particolare di una stessa biblioteca, possono inviare messaggi e commenti sugli altri studenti presenti in aula, mantenendo l’anonimato. C’è chi utilizza questo spazio per rendere pubbliche dichiarazioni d’amore o colpi di fulmine, chi le usa per lamentarsi del vicino fastidioso e chi solo per segnalare qualcosa di divertente.

Il progetto è nato e naufragato nel giro di pochi mesi all’interno della UCL (University College London), per poi essere recuperato e adattato alla realtà di Facebook dal suo creatore, Mark Zuckerberg.

C’è da aspettarsi che gli italiani, da sempre molto ricettivi per le novità ludiche della rete, accoglieranno a braccia aperte questo nuovo strumento di socializzazione. Ma siamo sicuri che si tratti proprio di questo? Di socializzazione? In Inghilterra si è diffuso un certo scontento tra chi si è sentito, più che “avvistato”, “spiato”, ma anche tra chi si è riconosciuto nei commenti (sempre anonimi) non proprio lusinghieri di propri compagni di corso.

Si tratti dell’ennesimo passo avanti nella trasposizione delle dinamiche della vita reale all’interno della comunità virtuale. A Forlì è attiva la pagina per il corso di Mass Media e Politica, ma al momento conta solo 11 “amici”. Anche nella provincia romagnola le chiacchiere della pausa caffè stanno per essere sostituire da un messaggio nella posta privata.

Commenta con Facebook

Dialoga con l'autore di questo post