Perché scegliere un Blackberry al giorno d’oggi?

Ho avuto modo di provare in anteprima i nuovi telefoni Blackberry prima del lancio ufficiale nei negozi. Diciamolo subito: ci vuole molto coraggio per lanciare un nuovo sistema operativo per smartphone nel 2013. Il mercato ormai è segmentato, gli altri vantano milioni di app e persino il vecchio CEO si è disfatto delle quote azionarie che aveva in tasca.

Insomma, perché scegliere un Blackberry al giorno d’oggi? La sensazione che mi hanno lasciato il Z10 (il modello touch) e il Q10 (con la tastiera) è ottima, la tecnologia che sta alle spalle è orientata come sempre verso l’uomo d’affari che bada poco all’apparenza e molto alla sostanza, ma con in più quel tocco “consumer” che ormai è imprescindibile anche per il telefono aziendale.

blackberry

In particolare l’idea dell’Hub, che raccoglie tutti i messaggi email, sms e social in un unico luogo è molto fruibile all’atto pratico, così come la separazione tra quanto riguarda la vita aziendale e la vita privata. Il multitasking è reale, a differenza che sull’Iphone, e la tastiera touch è il top del mercato.

Ciliegina sulla torta: c’è la possibilità di fare girare la maggior parte delle applicazioni Android. Blackberry è uscita dal torpore e ha piazzato anche alcuni colpi di comunicazione non da poco, come l’ingaggio di Alicia Keys come direttrice creativa. Non male, per una compagnia data per spacciata.

Stefano Tacconi è responsabile Risparmio Impresa di Tribucoop, realtà che aggrega più di duemila contratti cellulari aziendali per ottenere condizioni economiche migliori dai grandi operatori telefonici nazionali.

Stefano Tacconi

Commenta con Facebook

Lascia un Commento...